Sul Canzoniere di Cecco Angiolieri, di Roberto Taioli

LA PRESENZA DI ÈRATO

Cecco-AngiolieriLa poesia di Cecco Angiolieri e il suo Canzoniere irridente e beffardo sono abbastanza noti anche se spesso offuscati da scuole poetiche di maggior risonanza, come la scuola siciliana di origine provenzale e il dolce stil novo. Compresso tra questi due poli l’Angiolieri è stato, spesso sbrigativamente, associato ad un filone comico- umoristico che serpeggiò nel ‘200 senza raggiungere significativi esiti. Una lettura senza dubbio riduttiva e che non tiene conto di come quei fermenti, seppur minoritari, non si siano spenti, ma confluiranno, trasformati e rielaborati, nell’arte di Boccaccio. Il genere comico/umoristico o realistico, considerato generalmente “basso” rispetto ai toni elevati della poesia coeva e successiva (Dante e Petrarca), secondo i canoni dell’epoca, rimase cosi laterale e secondario, quasi irrilevante, nel clima culturale del tempo tendente ad una sublimazione del reale. Pochi dati sicuri emergono della sua vita. Cecco nacque probabilmente intorno al 1260 a Siena da famiglia nobile, il…

View original post 1.093 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...