Antonio Gramsci: I tre giganti/ The three giants

parallel texts: words reflected

“there is sometimes a lack of effective and concrete “correspondence” in our correspondence”

Lettera XLIV

I tre giganti  

Antonio Gramsci    

Carissima Giulia,  
nella nostra corrispondenza talvolta manca una «corrispondenza» effettiva e concreta. Se a questo si aggiunge l’elemento tempo, che fa dimenticare quello che si è scritto precedentemente, l’impressione del puro «monologo» si rafforza.
Non ti pare? Ricordo una novellina popolare scandinava: tre giganti abitano nella Scandinavia lontani l’uno dall’altro come le grandi montagne. Dopo migliaia d’anni di silenzio, il primo gigante grida agli altri due: «Sento muggire un armento di vacche!». Dopo trecento anni il secondo gigante interviene: «Ho sentito anch’io il mugghio!». E dopo altri trecento anni, il terzo gigante intima: «Se continuate a far chiasso così me ne vado!».  
Beh! c’è un vento di scirocco che dà l’impressione di essere ubriachi.  

Cara, ti abbraccio teneramente con i nostri bambini.  

ANTONIO…

View original post 230 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...