213 // PORTOFRANCO 20 // Fabia Ghenzovich. Senza più muri

Peripli // Post Scriptum

Pubblicando in ordine cronologico i contributi giunti per Portofranco, ringrazio Fabia Ghenzovich per questa poesia che mi sembra oggi di riascoltare dalla sua stessa voce, ripensando al meraviglioso momento della lettura corale di tutti i vostri testi, il 2 giugno, presso la bocca di porto della laguna di Venezia.

Cosa possiamo augurarci per la poesia, se non che ricomponga la semplicità più umana? Se non che ogni crisi si sciolga attraverso di essa, attraverso verbi nonviolenti, in «lieve viandanza», in «stupore», in «sapere ascoltare», in «lasciar passare», per «ricominciare da capo»?

Non posso che fare mie le parole dell’autrice. E riporre fede in questo augurio, condividendone la speranza di un «azzardo leggerezza».

G. Asmundo

*

(Una poesia sui muri)

Qualcosa
si frantuma. Neppure
io mi riconosco. Cade
un muro e si rovescia il secolo
per ricomporsi in un azzardo

di leggerezza. Nel prisma
del possibile una sfaccettatura
creata per lo…

View original post 147 altre parole

Annunci

Un pensiero su “213 // PORTOFRANCO 20 // Fabia Ghenzovich. Senza più muri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...