T9, le parole necessarie – Poesia e diritto: tre testi scelti da Paolo Gera

CARTESENSIBILI

.

Per questo numero di T9 lascio da parte la conversazione amicale su un testo scelto da un mio ‘corrispondente’ e pubblico tre finestre poetiche sul tema degli stranieri che arrivano dal mare.

Non si tratta di poesie contemporanee, registrate in diretta sull’ onda dell’indignazione contro il decreto sicurezza di Salvini o contro le leggi precedenti, la Bossi-Fini, l’accordo con la Libia voluto da Minniti.

Si parte da lontano, addirittura dal I secolo avanti Cristo, per arrivare a due grandi scrittori del Novecento.

Le parole da ‘completare’ siano questa volta quelle lasciate nei commenti. Chi conosce testi dello stesso tenore da aggiungere a quelli che ho scelto io? Per una ragione di legittimazione storica, mi piacerebbero fossero di autori non contemporanei, vorrei si dipanasse un filo rosso dall’antichità sino alle soglie del Duemila che tenesse unite riflessioni sull’accoglienza primaria e sull’ospitalità duratura. Forse partendo da lontano la passerella sul mare…

View original post 591 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...