Tre poesie di Luca Gamberini da “Mi sgridi i piedi”,Youcanprint – 2016

LA PRESENZA DI ÈRATO

download“L’inevitabile senso di amarezza e di latente abbandono che ci accompagna in questi paesaggi è riferito, nel sentiero dei paradossi così caro al poeta, ad un partner asessuato che si chiama vita; nell’evolversi della quale, sovente, il nulla assoluto viene inteso come il tutto. Quindi anche la morte… Ecco, Luca si toglie il berretto e si gratta il capo, sornione. Se ti guardo negli occhi / poi magari dimentico che devo morire. Si tratta di provocazione o constatazione dell’ineluttabile, ma quella che a volte ci aggredisce inaspettatamente nel testo? Lui indica le nuvole dipinte sulla scenografia. L’eternità non conosce poesia, la rigetta ad un necrologio scrostato, liso, / dal dire indeciso.

View original post 317 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...