PORTOFRANCO 6 // Patrizia Sardisco. Lettera a Ventimiglia (poesia inedita)

Peripli // Post Scriptum

Voce che si leva dal silenzio, voce autentica, grido lieve
Una poesia indirizzata a Delia, la barista di Ventimiglia che offre solidarietà ai migranti, in un contesto spesso ostile. Quando l’umanità la poesia annullano ogni distanza.
Grazie a Patrizia Sardisco.

Poesia per Delia – Una lettera a Ventimiglia

Mia sorella che insegni il tarlo ai legni lievi
e a cosa servono le mani degli umani:
Delia non siedi mai per noia
col fiato alla finestra
non fai vapori e nebbia sopra un vetro
e non appanni il grido
l’enigma del finito
nell’infinito ciclo delle erranze: Delia
tu senti il vento e apri
e vedi, Delia
la pace a piedi nudi un uomo e nulla
di te come di lui resta al riparo e i continenti
scaraventati di colpo sul bancone
che tremano coi piedi nella neve: tu li vedi.
E non hai sonno, non tentenni in ipnosi.
Le mani, Delia:…

View original post 184 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...