Pietro Roversi, da ‘I pinguini dei tropici’

Poetarum Silva

Europa, Europa

Per fato qui, o altrove
e ovunque orfano d’un baratto,
sfortunatamente il continente è
diviso tra cattolico, protestante
e altre varietà del matto
Dio Uno e Trino. Da bambino
collezionava bandiere,
da adulto stelle,
gialle sul campo blu dell’adozione.

E mentre fa colazione, altrove
un altro esce da un igloo,
o sta sotto un banano, scende
da un gradino su un pavimento
di fango battuto. Pian piano
s’arriva ai confini del mondo,
ci si sposa, si figlia, s’impara
una lingua, il ratto
d’Europa, Europa.

Scampagnata

In un cesto i semi per la frutta:
previdenza, intraprendenza,
certe gite durano.

Prima: sempre le intenzioni.
Chi: sempre gente pronta a tutto,
salvo immaginare pianeti diversi.
Altrimenti come accontentarsi,
come perdersi in un bicchiere d’acqua.

Cambiare, lasciarsi, trovarsi:
catabasi, catastrofe, catarsi.

Comprensione pubblica della scienza

Le statuine porporine, che spolverano
le loro stesse mensole da sole
e danno la stagione
secca o…

View original post 112 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...