Tre poesie di Attilio Bertolucci, nota di Giorgio Cusatelli

LA PRESENZA DI ÈRATO

attilio-bertolucci-sitookAttilio Bertolucci, San Prospero Parmense, 18 novembre 1911 – Roma, 14 giugno 2000

Essenzialmente la poesia di Attilio Bertolucci è trascrizione di un movimento: nello spazio, da un interno a un esterno; nel tempo, da un prima a un dopo. Ma anche del movimento opposto, quello del rientro, del ripristino della condizione originaria. Coincidendo la partenza con l’arrivo, l’inizio con la fine, il risultato, per forza di coraggioso paradosso, è una definitiva fissità, una immobilità “eterna” (nel vero e proprio senso religioso).L’intervento poetico, il “fatto” della poesia, – Bertolucci dà sommo rilievo al momento grafico, materiale, concreto, perché è questo che giustifica il suo lavoro di artigiano.

View original post 395 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...