Poets translating poets: Gianna Patriarca & Franca Alaimo

parallel texts: words reflected

Niente etichette, per favore

Franca Alaimo

 

Non so più dove posare il capo

e non ho pensieri, sogni, ricordi

che non si porti il vento

delle parole che mi attraversano la mente

come flussi e riflussi di maree.

Come la luna so di appartenere

al teatro mobile dell’esistente

e non mi aggrappo a niente

perché nasco, muoio, migro nelle stagioni

come fanno i figli, come fanno i gigli

che lasciano i bianchi germogli

al lutto dei petali cadenti.

Quando mi leggerete, quando verrete,

questo io vi chiedo:

non mettetemi etichette addosso.

Non dite di me che ero in certo modo,

perché non era vero che io fossi.

Io soltanto ero vera quando sognavo sogni.

Ma i sogni non hanno fede, né approdo,

Non hanno tempo.

Non hanno spazio.

Non hanno.

Vanno come barche dentro il mare del sonno.

Vanno.

O stanno sopra il colore mutevole dell’acqua

e poi s’inabissano…

View original post 278 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...