Tre poesie di Arthur Rimbaud da “Illuminations”

LA PRESENZA DI ÈRATO

ob_a2bb32_rimbaud-capo

Nel 1871, nella Lettera del veggente Arthur Rimbaud annuncia una nuova poetica: il poeta deve “farsi” veggente, deve coltivare la sua anima a prezzo di “ineffabili torture”, deve distruggerne l’ordine apparente e disintegrarla per ritrovare il caos. Il poeta è colui che attinge l’ignoto, il mistero, l’Assoluto. Il poeta possiede la parola e in questo consiste la sua sfida a Dio, il suo potere demiurgico. Nelle Illuminazioni Rimbaud conduce all’estremo la ricerca di un linguaggio atto a tradurre una disposizione visionaria e onirica. Lo sgretolamento delle forme poetiche è esasperato e il verso è sostituito spesso da una sorta di prosa poetica. Le Illuminazioni  sono da considerarsi il suo capolavoro: esse appaiono come il risultato di ispirazioni diverse, con vortici di esaltazione e abissi disperati, confessioni di un’anima afflitta, non di rado accesa dalla droga.

View original post 369 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...